Blog

Eduardo e il Teatro San Ferdinando

Il San Ferdinando dopo i bombardamenti

Il San Ferdinando di Napoli dopo i bombardamenti

Dopo i bombardamenti del 1943 era ridotto in macerie. Del Teatro San Ferdinando, costruito nel 1791, rimanevano riconoscibili solo una parte del palcoscenico e brandelli dei quattro ordini di palchi originari.

Eduardo De Filippo nel 1948 decise di acquistare quel cumulo di macerie e ricostruire il teatro. L’impresa richiese sei anni. Eduardo vi impegnò tutti i risparmi e dovette indebitarsi con le banche per pagare i lavori.

Nel 1954 il nuovo San Ferdinando viene inaugurato. Per l’occasione, Eduardo pubblica un libro celebrativo, di grande formato, “Eduardo De Filippo e il Teatro San Ferdinando”, da cui sono tratte le immagini di questa pagina ed il testo che segue, scritto, in napoletano, dallo stesso Eduardo.

 

Napulitane belle, vinticinche, trent’anne fa, si quaccheduno m’avesse ditto ca io aveva addeventà padrone ‘e nu teatro, ‘a parola mia d’onore, l’avarria risposto: – “Amico, tu piccerillo sì ghiuto c”a capa nterra “! –eduardo_maninfaccia

Mprimmeso pecché, allora, ‘a carta ‘e ciento lire jeva fujenno… figurateve ca ‘o primmo biglietto ‘e mille lire… v”e rricurdate chelli fogliamolle  cu chella riquadratura auta ddoje dete, cu tutt’angiulille disignate ‘ncoppa, culor sanguinaccio… ca me parevano tanta tappetielle pe’ vicino ‘o lietto… dunque: uno ‘e chisti tappetielle, ‘o vedette sulamente all’aità ‘e trent’anne.

Quanno me truvaie chella carta ‘e mille lire mmano, me parette nu suonno. Vuie pazziate. Tanno, p’abbuscà na carta ‘e mille lire sana sana, voglio dicere na carta ‘e mille lirec”a putevo mettere ‘o pizzo dicenno: – “Chesta nun se tocca!”… – aveva jettà ‘o sango minimo pe’ tre mise, a dduje spettacule ‘o juorno e na prova ‘a matina n’copp”o tiatro Nuovo. Mprimmeso pe’ cchesto, ve stevo dicenno, e po’ pecché io a trent’anne ‘a penzavo ‘e tutt’ata manera.

Quanno me dicevano: – “Ma pecché nun t’accatte na casarella ‘a tant”o mese? “… e pe’ fa che cosa? pe’ fa ‘a figura ca fa cu me ‘o patrone ‘e casa, ‘o quale quanno se presenta ‘a fine ‘o mese pe se piglià chilli quatto cienteseme ‘e mesatella, nun se capisce si ‘o padrone ‘e casa è isso o songh’io.

Cumm”a primma intratura, quanno ‘o pover’ommo me vene a cerca’ ‘a mesata, ‘o faccio aspetta’ na mez’oretta for”a porta: po’ quanno buono buono
me so’ deciso, e ‘o faccio trasi’, si nun le dico: – “Assettateve” – nun s’assetta. Allerta, mmiez”a stanza, c”o cappiello mmano e c”a paura ncuorpo ‘e fa’ palla corta, cu chill’uocchie ‘e cestarielle… pare ca te cerca ‘a carità. E io cu chella prùbbeca a ‘o mese ca lle dongo (quanno ce ‘a dongo) faccio ‘o padrone dint”a casa soia. Isso s’adda j spelliccianno quanno m’adda manna’ ‘o stagnaro pecché ‘o rubbinetto s’è rutto; quanno m’adda manna’ ‘o fravecatore pecché ll’asteco scorre; ‘o ferraro pecché s’è scatenata ‘a ringhiera d”o balcone… e si nun pava ‘e tasse, ave l’esproprio… e ‘a casa ca isso se penzava ch’era d”a soia, pe’ via d”o cuntratto ‘e compra vendita ca tene astipato, se l’accatta n’ato, ncopp”o Tribunale, c”a cannela. E pe’ me, inquilino, ‘a mesata o s”a piglia isso o chillo ca se l’ha accattata ncopp”o Tribunale c”a cannela, è ‘a stessa cosa:

Allora faciteme accapì, chi è ‘o padrone ‘e casa: chillo ca se vene a piglia’ ‘a mesata ‘a fine ‘o mese, o chillo che ‘a pava e fa aspetta’ ‘o pover’ommo fore ‘a porta, mez’ora?

sanferdinando_rifatto

Il Teatro San Ferdinando ricostruito, nel 1954

Comme me venette ‘ncapa ‘e fraveca’ stu teatro, nun v”o saccio dicere… a me nun me vo’ trasì ‘ncapo ca songo ‘o padrone. Pecché, scusate: Vuie quanno v’avite accattato nu palco o na pultrona, pe’ chelli ddoie ore ca dura ‘o spettaculo, site patrune vuie. Insomma voglio dicere c a songhe patrune tutte chille ca s’accattano ‘o biglietto, e traseno, e tutte chille che trasarranno quanno nuie simme muorte tuttu quante.

E io v”o ddico comme me stesse cunfessanno, dint”a stu teatro, io faccio ‘a figura ‘e chillu pover’ommo che v’aggio ditto primmo, ‘o quale aspettava mez’ora for”a porta, quanno se veneva a piglia’ ‘a mesata, ‘a fin”o mese.

Qui, qualche informazione in più sulla storia del Teatro San Ferdinando.

Spiritismo a Napoli: razionalità e scetticismo partenopei

Roberto Bracco non è un nome oggi tra i più noti. Eppure è stato un commediografo napoletano di fama mondiale.
Iniziò giovanissimo la carriera di giornalista e quella, lunga e prestigiosa, di commediografo e scrittore. Fu critico d’arte e teatrale, autore di versi, canzoni e racconti dialettali e soggetti per film. Per il teatro realizzò numerosissime opere di grande successo in Italia e all’estero.
Fu autore assai innovativo, che anticipò il teatro “psicologico” di Pirandello e fu a lungo candidato al premio Nobel. Le pressioni del regime fascista – di cui Bracco fu oppositore – ne impedirono il conferimento.

Nel 1886, appena venticinquenne, Bracco scrisse un libello sulla moda dello spiritismo che si stava diffondendo in Italia. Infastidito dall’irrazionalità truffaldina delle sedute spiritiche e richiamandosi allo studio scientifico dei fenomeni naturali, Bracco si lancia in una vera e propria satira dissacrante – e divertente da leggere oggi – contro i sedicenti medium.

Spiritismo è quéll’oggetto
Che fa muovere il mobilio,
E fa sempre un beli’ effetto
A chi restalo a guardar

L’opuscolo, firmato con il consueto pseudonimo “Baby” col quale scriveva sul Corriere Del Mattino, scatenò una vivacissima polemica tra i sostenitori delle superstizioni spiritistiche ed i suoi detrattori. Le centocinquantamila copie di “Spiritismo” andarono rapidamente esaurite e furono presto introvabili. Nel 1907 l’editore Francesco Perrella convinse Bracco ad autorizzarne una riedizione integrale.spiritismo

Nella copia in nostro possesso vengono così raccolti il testo originale, articoli e lettere successive che ricostruiscono la polemica suscitata, oltre a documenti, descrizioni e verbali di sedute spiritiche “contraffatte” avvenute a Napoli nell’epoca dell’attività di Eusapia Paladino.

Si tratta di una testimonianza concreta e inconfutabile sul pensiero razionale a Napoli nell’800, in barba a qualsiasi luogo comune sulla superstiziosità storica della città partenopea, già patria di Giambattista Vico e del “nolano” Giordano Bruno.

Un manuale per attori, scrittori e cantanti

manualedizionenapoletano La difficoltà più evidente quando si legge e si scrive in dialetto è legata all’ortografia. La mancanza di una autorità riconosciuta – come l’Accademia della Crusca per l’italiano – ha fatto sì che ogni autore abbia adattato a suo modo le norme ortografiche della lingua italiana alla propria personale dizione del dialetto. E ciò vale anche per il napoletano.

Quanti, per esempio, conoscono l’uso corretto di apostrofo e aferesi – elementi caratterizzanti del napoletano – nella scrittura del nostro dialetto? Prendiamo, come esempio banale, gli articoli determinativi. In napoletano si formano facendo cadere la consonante iniziale di “lo” e “la” e vanno quindi scritti con l’aferesi: ‘o, ‘a. Eppure capita di trovare grafie (sbagliate) in cui viene usato un apostrofo (o’, a’) a segnalare una elisione che invece è inesistente.

Come tutte le lingue, anche il napoletano non basta parlarlo da una vita per essere certi di farlo correttamente. Abbiamo tutti imparato espressioni, parole, e modi di dire dalla voce di mamme, padri e nonni. Li abbiamo imparati oralmente, ripetuti come li abbiamo sentiti, con le stesse imprecisioni fonetiche. Ce ne accorgiamo quando confrontiamo le diverse dizioni di amici e conoscenti. Ma, allora, qual è la versione corretta? Come si pronuncia quella parola? E come si scrive quella frase? Esiste realmente una “versione corretta” del napoletano?

Si tratta di domande importanti per chi, come noi, si occupa di teatro in napoletano ed ha perciò assoluto bisogno di una guida di riferimento. A maggior ragione, dal momento che la nostra attività artistica si svolge a Verona, lontano quindi dall’ambiente linguistico napoletano. Chi scrive, canta, recita in napoletano si trova talvolta di fronte a dubbi sulla scrittura e sulla pronuncia.

Giovanni Vitale ha voluto affrontare questa questione ed ha realizzato un “manuale di scrittura e di dizione” del dialetto napoletano. Vitale è stato docente di Arte Scenica presso i Conservatori Statali di Salerno e Benevento ed ha svolto attività di ricerca nella dizione della lingua italiana e del dialetto napoletano.

Il manuale è indirizzato agli studenti universitari e di Conservatorio, agli artisti ed a tutti gli appassionati che amano leggere e scrivere in napoletano. È diviso in tre parti più, in appendice, un prontuario sulle regole di scrittura.
L’autore ha cercato di individuare sistematicamente le situazioni ambigue o quelle in cui autori diversi hanno adottato diverse soluzioni ortografiche. Ciascun caso, nel manuale, viene analizzato riportando i differenti pareri e proponendo una soluzione. L’imponente apparato critico e le numerosissime citazioni e riferimenti agli autori napoletani, come anche la corretta indicazione dell’accento fonico e la distinzione fonetica di suoni consonantici sordi e sonori, sono elementi che rendono quest’opera uno dei manuali di riferimento più autorevoli per l’uso del napoletano.
Le riflessioni e le analisi contenute nel libro possono tuttavia essere estese e risultare utili anche in riferimento alle altre varianti dialettali campane.

 

Titolo:   Dialetto napoletano. Manuale di scrittura e di dizione
Autore:   Giovanni Vitale
Edito da:   Edizioni Scientifiche Italiane, giugno 2009
Pagine:   869
ISBN:   978-8849515244

[Amazon]

Il Napoletano, l’UNESCO e noi

Foto: Elisaboba

Foto: Elisaboba

Su molti siti web si leggono frasi che ci fa piacere leggere:
“Il mancato insegnamento della lingua napoletana e il suo andarsi man mano perdendo e degradando di valore, ha indotto l’UNESCO a riconoscerla come un patrimonio da tutelare non solo per l’Italia ma per il mondo intero.”
“Il napoletano è secondo, nella nostra penisola, soltanto alla lingua ufficiale, l’italiano, per diffusione sull’intero territorio nazionale.”

Pensi che se lo dice l’UNESCO dev’essere vero. Poi continui a leggere:
“Dialetto diffuso in tutto il sud Italia, ma parlato anche in Abruzzo, Molise, Lazio”

E qui ti viene qualche dubbio: da quando in Abruzzo, Molise e Lazio si parla napoletano? Così provi a verificare la notizia e scopri che molti siti di informazione la riportano tale e quale. Cioè, non simile, ma proprio uguale, con le stesse frasi: hanno copiato tutti dalla stessa fonte. Di solito, è un forte indizio che si tratti di una notizia falsa. Ma allora che dice l’UNESCO, veramente, sul napoletano?

Nell’elenco dei “Patrimoni Orali e Immateriali dell’Umanità” il napoletano non c’è. Nell’atlante delle lingue in pericolo, c’è invece il “South Italian“, Italiano del Sud, che comprende dialetti marchigiani, abruzzesi, molisani, campani, lucani, pugliesi e calabresi. E questo South Italian viene considerato sinonimo di “Neapolitan“.
Certo, se li consideri tutti insieme, i dialetti del Sud coprono una popolazione così ampia che per forza diventa la seconda lingua dopo l’italiano. Solo che l’Italiano del Sud non esiste. O si?

nap_ethnoIl raggruppamento dei dialetti alto-meridionali è definito secondo la classificazione internazionale delle lingue ISO 639-3 sotto il codice “nap“, che sta per “napoletano” o “napoletano-calabrese“. Questo gruppo linguistico è parlato infatti nell’area geografica che corrisponde all’ex Regno di Napoli, con l’esclusione della Sicilia, del Salento e di parte della Calabria (aree dei dialetti del gruppo meridionale-estremo).
In questa accezione, “napoletano” non indica il dialetto di Napoli ma l’intero gruppo linguistico, che è normalmente indicato anche come “italico-meridionale“: South Italian, appunto.

Dunque, quanto riportato nei documenti dell’UNESCO è corretto. Completamente fuori strada è invece l’interpretazione di qualche giornalista che, poco competente su questioni glottologiche, ha scritto un articolo prendendo fischi per fiaschi. Tutti gli altri hanno poi semplicemente copiato e rilanciato la notizia falsa senza neanche controllare. Ed ecco che sulle vostre bacheche Facebook circolerà per anni una nuova leggenda metropolitana.

Riassumendo, il dialetto napoletano non è riconosciuto patrimonio dell’UNESCO, ma solo uno dei tanti dialetti italiani “in pericolo”. E non è nemmeno la seconda lingua parlata in Italia. In effetti, tecnicamente, non è una lingua. La distinzione non è qualitativa, sia chiaro, ma è legata all’uso. Il napoletano non è usato in uffici pubblici, scuole o amministrazioni ed è parlato in un’area geografica limitata. Per questo è – tecnicamente – un dialetto.

Però il napoletano ha una storia antica e nobile e continua ad averla anche oggi, soprattutto nel teatro, nella letteratura, nel cinema, nella musica. Diffondere false notizie come questa sull’UNESCO – anche se stuzzicanti per il partenopeo orgoglioso che c’è in noi – non aggiunge nulla al prestigio della nostra lingua (ops!).
Il napoletano non ha bisogno di etichette e vane vanità, ma di tutela. C’è bisogno di perpetuarne la tradizione linguistica e promuoverne la conoscenza e la diffusione, insieme a tutto l’immenso patrimonio culturale che vi è legato.
Come? Per esempio, con l’attività teatrale. Ecco, questa, nel nostro piccolo, è la “missione” trentennale della Filodrammatica Partenopea a Verona.

Fonti principali:

 

Maschere, comici e grammelot

Oggi avevamo programmato la pubblicazione dei nostro primo post sul teatro. Poi, come talvolta accade, arriva improvvisamente una notizia che t’induce a cambiare i piani.
In mattinata abbiamo saputo che Dario Fo è morto. Chi ama il teatro – e non solo – non può fare a meno di sentirsi toccato dalla scomparsa di uno dei maggiori artisti della storia di quest’arte. Gli rendiamo omaggio, nel nostro piccolo, con questo breve articolo sulla Commedia dell’Arte, primo della serie.

La maschera è uno degli elementi portanti della Commedia dell’Arte. Non, come a volte si crede, per una mera questione estetica. La maschera è innanzitutto in grado di amplificare e modificare le caratteristiche della voce. Ogni maschera, in sostanza, funziona come uno strumento musicale. L’interno della maschera è percorso da spazi pieni e vuoti in cui il suono viene modulato esattamente come in una cassa di risonanza. Alcune maschere producono suoni acuti, altre toni bassi e gravi. La tecnica dell’attore permette di gestire una vasta gamma di tonalità. Ogni personaggio ha, quindi, per così dire, la propria voce.
Oltre alla forma estetica e al suono che viene prodotto, ad ogni maschera va collegato un particolare modo di gesticolare e di camminare. Gli attori della Commedia dell’Arte possedevano un perfetto controllo della gestualità del corpo. Anche questa attitudine deriva dall’uso della maschera. L’espressione del volto, infatti, è completamente bloccata dalla presenza della maschera che lascia visibili solo bocca e occhi. Per esprimere tristezza, allegria, pianto, pudore, rabbia e così via, quindi, il comico dell’arte era costretto ad usare il resto del corpo.

https://www.youtube.com/watch?v=hb9nfqyHvjc

 

Gli attori non conoscevano le lingue, ma riuscivano ad ottenere ugualmente un grande successo di pubblico ovunque si esibissero in Europa. Avevano risolto il problema della parola parlata inventando il grammelot: un insieme di suoni onomatopeici che producono la sensazione di ascoltare una lingua compiuta. Si tratta di uno sproloquiare insensato che però risulta curiosamente comunicativo. La parola grammelot deriva, pare, dall’espressione veneto-lombarda “gramlotto”, che indica un miscuglio di suoni senza senso, ma articolato in ritmi e cadenze che ricordano, appunto, una lingua.

Il teatro della commedia era fatto da compagnie di uomini e donne colti e preparati tecnicamente. Se pensiamo che il loro lavoro ha inciso nella cultura dello spettacolo europeo degli ultimi tre secoli, ciò non può essere accaduto per caso. Tutti erano in grado di scrivere testi teatrali, poetici e talvolta saggi critici e filosofici. Il primo Arlecchino, Martinelli, aveva una laurea da notaio. La giovanissima Isabella Andreini, della Compagnia dei Gelosi, scriveva i propri monologhi, componeva sonetti che musicava e cantava e fu un’attrice nota in molte corti europee. Di Silvio Fiorillo, cui è attribuita la creazione della maschera di Pulcinella, ricordiamo che fu un prolifico autore teatrale ed un attore conteso da più compagnie di importanza internazionale. Al Fiorillo dedicheremo maggiore attenzione nei prossimi articoli.

 

Fonte principale: “La lezione. Storie del teatro in Italia”, Dario Fo, Giorgio Albertazzi

 

Il sito è in via di completamento!

stemmafipaBenvenuti sul nuovo sito della compagnia. Presto appariranno qui le più interessanti notizie dal mondo del teatro e, naturalmente, tutte le informazioni sulle nostre attività e sui prossimi eventi. Iscrivetevi al link RSS per essere sempre aggiornati.

La cantata delle opere pari

operepariContinua la felice collaborazione con il Circolo Ufficiali dell’Esercito di Castelvecchio. Quest’ anno presenteremo una rassegna , ovviamente tutta incentrata sul Teatro di Eduardo, in particolare alle prime opere, quelle scritte prima della guerra ed appartenenti appunto alla raccolta delle opere ” la cantata dei giorni pari”. L’ opera che apre è “Ditegli sempre di sì”,scritta nel ’27 mentre nel ’31 inizia il parto trigemino di “Natale in casa Cupiello”. “Non ti pago” è del 1940 e insieme ad Armando Curcio (l’editore) nel ’42, scrive “La fortuna con la F maiuscola”.
In queste prime opere ripercorriamo l’evoluzione del teatro di Eduardo, che da una chiara impronta scarpettiana, giunge a composizioni più mature, sicuramente dettate dalla lezione di Pirandello, ma senza dimenticare quella genetica della grande “Commedia Dell’Arte”.